Andrea Picchioni e una bolla dall’Oltrepò Pavese

di Dorina Palombi

Vigneti dell'Oltrepò Pavese (foto www_oltrepopavese_pv_it )

Stavolta resto a casa, in Lombardia, e ugualmente vi parlo di vino ed entusiasmo.
Capita infatti che per emozionare gli occhi basti percorrere una mezz’oretta in macchina per essere avvolti dalla meraviglia.
Sì. anche qui nel pavese.
Certo Pavia è bellissima e ve la racconterò un giorno, ma il mio animo inquieto ha bisogno di quella pace che trovo sempre nelle Marche: le colline morbide, il cibo genuino, la gente cordiale.

L’Oltrepò Pavese è una risorsa da non sottovalutare per bellezza e prodotti del territorio e, ovviamente, parto dal vino per raccontarvela.
Alla fine l’uomo è come il vino e dipende dalla terra in cui cresce.
I vini dell’Oltrepò sono meravigliosi e raccontano storie di gente e tramonti, fatica e soddisfazioni. Allora proprio da qui voglio partire per parlarvi della settimana dello spumante.

Picchioni Oltrepò Pavese

 

Da buona amica, doveste mai passare da queste parti oppure frequentare un’enoteca ben fornita non dovete lasciarvi sfuggire il Profilo di Andrea Picchioni
Intanto qualche cenno su questa cantina, la filosofia e la terra in cui cresce.

La cantina di Andrea Picchioni sorge a Canneto Pavese, paese votato e devoto all’uva, circondato da Liguria, Emilia Romagna e Piemonte. L’azienda è nata nel 1988 con il recupero di alcuni vigneti particolarmente promettenti e la collaborazione con l’enologo Giuseppe Zatti a partire dal 1995
Una delle caratteristiche fondamentali di questa azienda è la comprensione del rispetto per il territorio, unico modo per fornire un prodotto di qualità; scelta che ha portato l’azienda a convertirsi al biologico. Cosa significa?

  • utilizzo quindi di acqua da pozzi e fossi di proprietà evitando quindi l’uso di acqua potabile;
  • concimazione con concimi di natura organica;
  • redistribuzione delle vinacce nei vigneti;
  • esecuzione di sfalci dell’erba ma tutela del terreno in modo da non impoverirlo;
  • parte della superficie aziendale tenuta a bosco per compensare l’anidride carbonica prodotta dai mezzi agricoli;
  • cartoni per il confezionamento delle bottiglie in carta riciclata esattamente come il cartaceo delle attività burocratiche.

Canneto Pavese

E il vino, dopo tutto questo parlare? Speciale, davvero.
L’azienda produce Pinot Nero, Bonarda, Buttafuoco e Sangue di Giuda tra i vini giovani, tre riserve (Pinot Nero, Buttafuoco e “Rosso d’Asia”) e il vino protagonista di oggi: “Profilo” Brut Nature Millesimato.

Profilo di Picchioni Metodo Classico

Prodotto nella zona di Stradella è un Pinot Nero all’85% e Chardonnay al 15%.

Dopo un’attenta raccolta manuale in cassetta, le uve subiscono una pressatura soffice. Il mosto viene quindi fatto fermentare in acciaio a temperatura controllata. In primavera viene imbottigliato e lasciato per oltre 11 anni sui lieviti. Prima della commercializzazione, viene sboccato e colmato con lo stesso vino, senza aggiunte di zucchero o liqueur d’expédition.

Il perlage è fine e persistente, mentre il colore è giallo paglierino intenso. Al naso colpisce il profumo della frutta matura, seguito da sentori di frutta secca e spezie. Al gusto si presenta pieno e rotondo, con una leggera nota acidula, compensata però da un vago sentore di miele.
Perfetto quindi a tutto pasto, con piatti più o meno strutturati e dai sapori decisi. Lui vincerà sempre e comunque per la sua discrezione, freschezza e piacevole compagnia.

Le Marchese del Gusto

Io l’ho abbinato a un primo di gnocchi con pancetta e champignon saltati in padella con aglio, prezzemolo e un goccio di panna.
Mai scelta fu più azzeccata.
E’ un vino talmente armonico che starebbe bene anche con il silenzio, una poltrona e l’aria fresca dell’imbrunire.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...