5 cose da fare a Ripatransone e la ricetta del Ciavarro

RipatransoneRipatransone è una delle Bandiere Arancioni delle Marche, ossia uno di quei borghi premiati perché sono riusciti a conservare e valorizzare le proprie risorse turistiche senza compromettere l’ambiente, il paesaggio e le esigenze delle comunità ospitanti.

E’ bello arrivarci e godere del paesaggio che stagione dopo stagione cambia abito; non c’è infatti un periodo più adatto per visitare il piccolo borgo ma vale la pena inserirlo in un minitour che includa Fermo (18 km), e Offida (9 km).
Dal canto nostro vi suggeriamo 5 cose da fare a Ripatransone, che sia gennaio o agosto 🙂

Il vicolo più stretto d'ItaliaCercate il vicolo più stretto d’Italia
Perdetevi tra le stradine suggestive del borgo ma seguite le indicazioni per il vicolo più stretto d’Italia, solo 43 cm di “larghezza” e ammirate la perfetta conservazione.
Una curiosità: il comune di Ripatransone si è giocato il trono con il Comune di Termoli che ha, anch’esso, un vicolo che misura pochissimo.
La lotta era aperta fino a poco tempo fa perché, metro alla mano, non si riusciva a trovare il vero vincitore che, alla fine, è risultato il borgo piceno.

Visitate la Tenuta Cocci Grifoni
Regalatevi un po’ di tempo per visitare la cantina, magari al tramonto, godervi la storia della famiglia e scoprire vini speciali come pecorino e passerina.
Noi Marchese amiamo ricordare i luoghi attraverso le visite in cantina, perché poche cose raccontano un territorio come il vino (e poi i paesaggi dai vigneti tolgono il respiro).

Trasformate i vostri ragazzi in piccoli Indiana Jones
Uno dei Parchi Avventura più divertenti in Italia è proprio a Ripatransone e si chiama Quercus Park.
E’ realizzato in un bosco di querce e l’ambientazione è sicuramente suggestiva. Scegliete il percorso più adatto ai vostri ragazzi e fateli arrampicare come scimmiette (si divertiranno un sacco e la sera crolleranno a letto!)

Visitate il Teatro Luigi Mercanti
I teatri delle Marche sono piccole perle sparse qua e là come una collana rotta accidentalmente.
Sono luoghi di rara bellezza e suggestione dove sedervi e ammirare a 360 gradi dipinti, balconate, drappeggi.
O vestirvi a gran sera e godervi uno spettacolo durante la stagione teatrale.

Imparare a preparare il ciavarro.
Il Ciavarro è il piatto tipico di Ripatransone ed è una zuppa di cereali e legumi a dir poco strepitosa.
Essendo le vicine di casa che tutti vorremmo, vi lasciamo la ricetta.
Noi sosteniamo sia una delle zuppe più buone che possano esistere sulla terra.
Considerate, per la quantità di legumi, mezzo bicchiere da Nutella per tipologia (per ottenere una zuppa per 6/8 persone) e un bicchiere colmo per il farro

Ciavarro di Ripatransone

INGREDIENTI
ceci
fave
cicerchia
fagioli cannellini
fagioli borlotti
lenticchie dei Sibillini
farro
1/2 cipolla tritata finemente
1 spicchio di aglio tritato
1 peperoncino
olio extravergine di tenera ascolana
250 g di polpa di pomodoro

Mettete a mollo i cereali almeno un giorno e mezzo prima di preparare la zuppa, cambiando l’acqua una o due volte.
Scolateli e fateli cuocere in acqua salata per 50 minuti (la quantità di acqua è indicativa; considerate di coprire i legumi  con almeno 3 dita d’acqua ma controllate durante la cottura che non si asciughino troppo. In quel caso aggiungetene ancora)
In teoria andrebbero messi a distanza di 30 minuti uno dall’altro ma è bello portare la zuppa alla bocca e sentire diverse consistenze: le lenticchie diventeranno scioglievoli mentre i ceci regaleranno croccantezza al palato.

Nel frattempo preparate il sughetto da aggiungere ai legumi.
In una padella a parte (se di coccio è meglio) fate dorare la cipolla, l’aglio e il peperoncino. Aggiungete la polpa di pomodoro, regolate di sale e pepe, e lasciate cuocere per 15 minuti. Fate riposare fino al termine della cottura della zuppa. Un consiglio: optate per una pentola bella grande in modo da poterla portare in tavola direttamente con la zuppa pronta.

15 minuti prima di terminare la cottura dei legumi aggiungete il farro (o l’orzo se vi piace di più).
Con una schiumarola versate i legumi e i cereali nella salsa che avete preparato e aggiungete l’acqua di cottura fino ad ottenere la consistenza desiderata (più o meno liquida dipende dal vostro gusto personale) e mescolate per amalgamare bene gli ingredienti.

Portate in tavola accompagnando la zuppa con crostini di pane e vino rosso generoso.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...