Cresc tajat con uova e farina Senatore Cappelli

Lo sappiamo che sembra un nome difficile e starete già storcendo il naso (a meno che non siate del pesarese e allora nulla vi spaventa).
Invece, i cresc tajat non sono altro che un tipo di pasta tipico delle Marche che viene preparato nella zona di Pesaro.
Il nome significa crescia tagliata per la forma e la consistenza che questa pasta ottiene a lavorazione finita.
Ha l’aspetto dei maltagliati e una consistenza splendidamente rustica che accoglie sughi generosi e succulenti.

E’ la pasta semplice di tutti i giorni, nulla a che vedere con i piatti speciali della domenica quali cappelletti o passatelli.
E’ la pasta che dona conforto e sollievo dopo una giornata di lavoro. E’ una delle certezze meravigliose della vita!
La ricetta classica prevede farina di frumento e farina di mais (250 g la prima e 150 la seconda), acqua tiepida e sale. Il risultato finale è resistente e robusto ma sufficientemente elastico per essere steso al mattarello e tagliato in rombi ( o quadretti come abbiamo fatto noi).

Noi Marchese, che amiamo sperimentare, abbiamo voluto cambiare l’ordine degli addendi sapendo che il risultato non sarebbe cambiato.
Quindi: 3 uova invece dell’acqua e la farina Senatore Cappelli invece delle due di frumento e mais
Una premessa per chi non la conoscesse ancora è doverosa.
Che cosa caratterizza la farina Senatore Cappelli?
E’ una farina di grano duro ottenuta dall’agronomo genetista Nazareno Strampelli ( nato in una frazione di Castelraimondo!) e utilizzata nel Sud Italia per produrre pasta di grande qualità. E’ un tipo di frumento, alto fino a 1,80m, molto resistente e adatto alla coltivazione nei campi dell’Italia meridionale (la sua origine è nordafricana) perché predilige terreni poveri e argillosi.
E’ una sorta di precursore dell’odierno grano duro.
Perché fa bene questa farina?
La farina Senatore Cappelli contiene percentuali più elevate di lipidi, amminoacidi, vitamine e sali minerali nonché è vincente per l’alta digeribilità.
E soprattutto è perfetta per preparazioni come pasta o pane.

CRESC TAJAT CON UOVA E FARINA SENATORE CAPPELLI

INGREDIENTI PER 4 PORZIONI
300 g di farina Senatore Cappelli di Molino Petrucci
3 uova
sale quanto basta
acqua quanto basta

Su una spianatoia, stendete a fontana la farina, creando una montagnola. Aggiungete il sale.
Fate un “cratere” all’interno e mettete le tre uova; con una forchetta portate all’interno la farina e accorpando la parte liquida.
Proseguite così per i primi minuti poi impastate con le mani.
Il composto risulterà un po’ resistente, per via della tipologia di farina; aiutatevi bagnandovi le mani per lavorare la pasta fino a che non risulterà omogenea e bella elastica.
Avvolgetela in una pellicola per alimenti e lasciatela riposare a temperatura ambiente per 30 minuti.

Trascorso questo tempo, infarinate il piano di lavoro e stendete la pasta con un mattarello, anch’esso infarinato. Per eseguire questa operazione andrà benissimo la classica farina 00.
Create una sfoglia di circa 3 millimetri. Tagliatela, con un coltello ben affilato, a rombi o a quadretti ( crediamo fortemente nel gusto personale).
Lessate in abbondante acqua salata per circa 5 minuti. Dipenderà dallo spessore. Considerate 1 minuto da quando i quadrotti salgono a galla.
Poi conditela con quello che preferite: un pesto rosso, un sugo di papera, un bel ragù di verdure o, per buttarla sul marittimo, moscardini al sugo.

 

 

Annunci

2 thoughts on “Cresc tajat con uova e farina Senatore Cappelli

    1. E’ un tipo di pasta delizioso, tanto rustico quanto confortante.
      Sono perfetti anche in brodo!
      Facci sapere se li provi 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...