Cesare Catà: la cultura sextainable.

Come fai a raccontare Cesare Catà a chi non lo conosce?
Potresti partire dai compiti per le vacanze che lo hanno reso mediatico.
Oppure, meglio, potresti spifferare di quella spiaggia gremita, con lo sguardo affascinato ad ascoltare Shakespeare al tramonto.
Ma che, Shakespeare e spiaggia nella stessa frase??
Certo; che ti aspetti da uno che ha suggerito agli studenti di godere di albe, tramonti e danzare senza vergogna? Un invito a cena da Uliassi?
Continua a leggere “Cesare Catà: la cultura sextainable.”

Annunci

Sardoncini scottadito

Ci sono piatti che profumano d’estate sempre.
Sono eternamente leggeri, divertenti e spontanei.
Vestono di nostalgia i primi mesi d’autunno.

Proprio come questo ottobre che è caldo ancora un po’ per ricordarci che l’estate è una sensazione che scivola via senza fretta.
Con quella griglia che si accende ancora per i pranzi della domenica.
Con quel maglione che copre un vestito ancora leggero.
Continua a leggere “Sardoncini scottadito”

L’Osteria dell’Arco e il suo profumo d’autunno

E’ un autunno, questo, che non si sente ancora sottopelle.
Si sta avvicinando con temperature fin troppo clementi, e con fare gentile sembra non voler congedare l’estate per non sembrare maleducato.

Quell’estate che, per noi Marchese, è stata davvero lunga e ci ha troncato il respiro più di una volta.
Un’estate rumorosa, accecante.
Ma ora, finalmente, sta arrivando il morbido autunno, con il suo carico di generosità.
Continua a leggere “L’Osteria dell’Arco e il suo profumo d’autunno”

Orlandi Passion: la perfetta tazzina di caffè.

L’Italia è una repubblica fondata sul caffè.
E’ quel profumo che fa partire la giornata e trasforma chiunque in un vero e proprio homo sapiens, dotandolo addirittura della parola e della simpatia.
E’ quel momento in cui il mondo si ferma e si ha tempo per noi stessi; un tempo che scorre lento e silenzioso prima che la giostra ricominci con il suo moto centrifugo.
E’ quell’attimo carico di abbracci che sancisce ogni volta la reunion di noi Marchese in terra marchigiana (ok, questo momento spalleggia con le bollicine ma dipende sempre dall’ora).
Avendo una dichiarata dipendenza dal caffè siamo andate in torrefazione da Mauro Cipolla, proprietario della Orlandi Passion Happy Lifestyle di San Benedetto del Tronto, a farci raccontare il lavoro che si cela dietro una tazzina di caffè.
Continua a leggere “Orlandi Passion: la perfetta tazzina di caffè.”

Anguì. Lo street food a miglio zero

 

Arrivare ad Ancona significa arrivare al porto; sì, pure se arrivi in treno perché finchè il porto non finisce, Ancona non inizia.
E’ il primo segno che ti convince dell’esistenza di una qualche architettura in città, dopo la passeggiata nel quartiere Archi.
Porta Pia.
La Mole Vanvitelliana.
Poi, finalmente eccola, arroccata e in disparte che si affaccia timida e ti sorride con il suo incantevole centro storico.
Ma sono sicura che il porto sarebbe la carta con cui la città si giocherebbe il tutto e per tutto in una sfida a poker tra gentiluomini.
Perché è un luogo vivo e decisamente fruibile, vuoi per una corsa la domenica mattina, vuoi per i diversi locale che, proprio al porto, sorgono da più o meno tempo.
Continua a leggere “Anguì. Lo street food a miglio zero”

Zuppa inglese

Arrivare a quasi quarant’anni e non aver mai assaggiato la zuppa inglese.
Capire al primo cucchiaio che arriva alla bocca di aver perso tanto.
Sostituire tutti i dolci fatti in casa con la zuppa inglese.

Ecco com’è andato il mio approccio in tre step con questo dolce al cucchiaio profumato di casa, vintage e Alchermes.
Un po’ una donna di una certa età che mantiene fascino e savoir faire.
Un po’ come un foulard di Hermes che sta bene con i jeans e la maglietta.
Continua a leggere “Zuppa inglese”

Il Tiglio è vivo. Viva il Tiglio!

Dalle pendici dei Sibillini, riecheggia l’eco della cucina del Tiglio, accompagnata da un magico profumo che non si può dimenticare.
Percorre le dolci colline del piceno come un amore osteggiato e, proprio per questo, sempre più potente.
Sbuca sulla costa e risale a ritmo spedito verso nord, quasi non potesse aspettare troppo tempo per sfogarsi, quasi l’urgenza di rinascere fosse incontenibile.
Approda a Porto Recanati, un luogo sicuro dall’aria salmastra e lì trova il mare, la quiete dopo la furia della natura tragicamente sperimentata.
Continua a leggere “Il Tiglio è vivo. Viva il Tiglio!”