Oggi vi raccontiamo una storia…

lemarchesedelgusto_fabi_fotoparadisi2

Oggi vogliamo raccontarvi di un nostro piccolo successo, di un’occasione meravigliosa in cui Le Marchese del Gusto hanno fatto parte di una squadra importante, parte di un percorso iniziato spontaneamente mesi fa.

Si da il caso che, durante uno degli eventi più elettrizzanti ai quali abbiamo partecipato come protagoniste attive, Il Sarto in Cantina, si sia creata un’alchimia con una persona che, come noi, è innamorata del suo lavoro e vive le giornate con un grande entusiasmo produttivo. Maurizio Paradisi era il fotografo ufficiale dell’evento, chiamato ad immortalare i volti degli ospiti in bottaia, l’energia di quella domenica pomeriggio e la squadra febbricitante che portava alto il nome dell’artigianato marchigiano. Da allora le Marchese hanno seguito da vicino il suo percorso lavorativo e si sono affidate a lui per cogliere l’essenza di un duo affiatato, composto da donne molto diverse ma profondamente legate tra loro e alla loro terra.

cna_lemarchesedelgusto1

Si da il caso che Lunedì scorso la CNA di Ancona abbia invitato Maurizio e Letizia a presentare un nuovo tipo di comunicazione legato all’accoglienza, alla cucina, al lusso raccontato  attraverso storie, emozioni, suggestioni. Si presentava Innovation Box, un servizio informativo dedicato agli artigiani che vogliono condividere e scoprire nuove cose all’interno del favoloso e variegato mondo enogastronomico. Con loro professori dell’Università di Ancona, produttori, esperti di legislazione e di etichettatura.

cna_lemarchesedelgusto3

È stato bello raccontare come la gastronomia stia ritornando alle storie di vita, come la gioia e le tensioni in cucina creino la magia attorno ad un piatto, di come sia bello descrivere a parole e attraverso le immagini la cura del dettaglio, il desiderio di regalare un emozione, la passione di un lavoro che è scelta di vita e di quanto questo possa essere più coinvolgente del cibo perfettamente immortalato nella sua lucidità plastica e perfetta.

Se la leggerezza, il coinvolgimento diretto, l’esperienza vera e la contaminazione tra diversi territori e diversi stili sono sempre stati il motore delle Marchese, da oggi sentiamo di avere un socio speciale, che riesce a visualizzare il nostro scrivere, che lo tonifica e lo amplifica: insieme lavoreremo per trasmettere il nostro punto di vista con leggerezza, tecnica, competenza e un pizzico di follia.

cna_lemarchesedelgusto

E’ così che amiamo comunicare il cibo e siamo fiere di poter lavorare a fianco di un professionista che si mette in gioco tutti i giorni, anche lui deliziato da leggende e racconti di vita che si celano sibillini tra le campagne marchigiane, nei ristoranti di mare o nella cacciagione ruspante e goliardica.

Insomma, la valigia è pronta per una nuova avventura e con l’aiuto di Maurizio aggiungeremo colori al nostro Pantone… ne vedrete delle belle!

lemarchesedelgusto_paradisi-jpg

Annunci

Donatella e la magia delle Marchese Api. Ovviamente Made in Marche.

lemarchesedelgusto

Inizia così la mia giornata… un cielo azzurro, l’aria fresca, un vento leggero… si, è giunta l’ora della raccolta del miele. Le api mi hanno stregato fin dal primo momento in cui le ho viste. Avrò avuto 7, forse 8 anni, durante le vacanze estive passate con i nonni, proprio nel cuore dei Monti Sibillini. Mio nonno paterno possedeva una fila di casette colorate e così un giorno, a mani nude e senza alcuna protezione, sollevò il coperchio di un’ arnia. Conosceva bene le sue api, lui. Sembrava quasi che si capissero al volo e parlassero senza timori. Fu un momento emozionante e ricordo ancora l’attimo in cui le vidi, là, attraverso un vetro. Così frenetiche e organizzate!

La passione di mio nonno è stata diligentemente tramandata, mio padre ha mantenuto le casette e oggi, insieme a lui, porto avanti questa “missione” prendendoci cura di queste meravigliose creature. Abbiamo solo poche arnie e il miele ricavato basta appena per la famiglia, tuttavia, poco o tanto che sia, non ne potrei mai farne a meno. Molto spesso mi capita di realizzare quanto poco la gente conosca di loro ed è difficile parlare delle api se non si hanno a disposizione ore di tempo. Per oggi mi limiterò ad alcune nozioni popolari e a qualche curiosità.

Ma quante api ci sono in una “famiglia”? Parliamo di un numero che oscilla tra le 50.000 e le 60.000. Durante la stagione produttiva un’ape operaia vive circa 30 giorni mentre l’ape regina arriva anche a 5 anni… non so se mi spiego.

E quanto “viaggiano”? Per produrre un chilo di miele un’ape copre una distanza pari a quattro 4 volte il giro della Terra. E probabilmente va anche oltre. Non sono meravigliosamente speciali?

Che c’entrano le Marche con l’apicoltura? Vi dico solo un nome, il nome di un marchigiano e per la precisione, mia cara Marchesa Letizia un tuo concittadino, il professore Alessandro Chiappetti nato a Jesi nel 1842. E’ considerato il pioniere dell’apicoltura marchigiana perchè introdusse nella nostra regione l’arnia nazionale, chiamata appunto “marchigiana”. Ma non solo. Fondò, diresse e scrisse quasi tutto da solo, per otto anni, il periodico Le Api e i Fiori, firmando i suoi articoli con lo pseudonimo di Melisso d’Esi.

Un assaggio di storia… Il miele è tutt’altro che un prodotto moderno. Potremmo quasi dire che esiste da sempre e che l’uomo, sin dagli albori, si sia sempre interessato alla frenetica e oserei dire magica attività di queste signorine. Ce lo testimonia L’uomo di Bicorp, pittura paleolitica scoperta nel 1921, nella Grotta del Ragno in provincia di Valencia.

apicultura_02_big

Il miele, in effetti, è stato protagonista indiscusso nella cucina del passato come correttore della sapidità grazie alla pungente dolcezza, come ottimo legante per le salse grazie alla sua consistenza, come conservante naturale, ma anche come ingrediente dolcificante e fermentante da utilizzare per il pane e per alcune bevande. Nel tardo 500 l’uso di questo ingrediente era largamente diffuso in cucina, ma non solo: era fondamentale in molte preparazioni di farmacopea, per le sue proprietà nutritive e l’alta digeribilità. Aimè con l’industrializzazione arrivò lo zucchero a sostituirlo: più economico e più pratico da conservare e per molti anni il miele è stato declassato a qualcosa di antico e poco fruibile. Fortunatamente stiamo rivivendo un rinascimento culinario e tanti grandiosi alimenti dei nostri nonni, o addirittura dei nostri avi, stanno passando dalla soffitta alla cucina. E tra questi c’è il mio nettare preferito.

Ma il miele… cos’è? E’ l’unico alimento che arriva direttamente sulle nostre tavole senza bisogno di alcuna trasformazione, l’unico che si possa definire 100% naturale. La sua definizione legale è questa: è il prodotto alimentare che le api domestiche producono dal nettare dei fiori o dalle secrezioni provenienti da parti vive della pianta o che si trovano sulle stesse (melata), che esse bottinano, trasformano, combinano con sostanze specifiche proprie e lasciano maturare nei favi dell’alveareE’ un prodotto contemporaneamente di origine vegetale ed animale.

Le Marchese consigliano di acquistare il miele nostrano, inutile dirvi che quello marchigiano è ottimo. Prediligete i produttori locali, andate a trovarli, visitate i loro apiari… e abbandonatevi al fascino di questo miracolo della natura!! Nel frattempo la vostra Marchesa Donatella si prepara a leggere “La custode del miele e delle api“, in libreria dal 17 settembre e collegato ad un favoloso concorso promosso da Vanity Fair “Adotta un’arnia e vinci il miele prodotto dalle tue api”; e mentre finisce di smielare vi aspetta per riscoprire insieme un’antica ricetta marchigiana, che ha tra i suoi ingredienti il dolce miele. Da non perdere!

lemarchesedelgusto1

Ancona. Easy, urban, chic.

di Dorina Palombi.

Siete pronti a partire con me?
Perchè da Pavia oggi vi porto in una città che ho imparato ad amare e che ogni volta mi toglie il fiato: Ancona

Me and bro Continua a leggere “Ancona. Easy, urban, chic.”

Le Marche da passeggio. Inizia la settimana dello street food

di Dorina Palombi

Niente è più social del cibo.
Il cibo parla di produttori, di territorio, di storie e di tempo.
E’ qualcosa da condividere, qualcosa per cui “share is care” è il motto più azzeccato.
E condividere il cibo, per noi Marchese, è condividerne non solo le ricette ma, soprattutto, la cultura e l’informazione.

Questa settimana la condivisione enogastronomica toccherà la strada.
Certo, il termine street food è anche fin troppo utilizzato, e ciò che fa moda e tendenza, a noi, non fa impazzire completamente.
Ma vogliamo farvi vivere il cibo da strada in un modo un po’ diverso,  farvi vedere le Marche da passeggio e farvi sorridere notando come le avete ogni giorno sotto gli occhi.

Continua a leggere “Le Marche da passeggio. Inizia la settimana dello street food”