La spiga che va bene: Il grano Saragolla

di Letizia Federici

Le Marchese del Gusto

Mentre finiamo di digerire il Natale e mettiamo le mani in pasta per il vicinissimo Carnevale, pensiamo anche un po al nostro equilibrio. E al grano.
Si, quell’elemento che tanto caratterizza l’italianità e che viene spesso svilito e snaturato da una politica economica dettata dalle signore Multinazionali e le loro delocalizzazioni produttive.
Qualche giorno fa se n’è parlato durante una trasmissione molto interessante dal nome “Veleni nel piatto”, dove la biologa e nutrizionista Anna Villarini, camminando tra gli scaffali di un supermercato, spiegava come fosse importante saper leggere le etichette, per le quali ci vorrebbe una laurea e un 12/10 di diottrie, ma che, una volta scavallata la difficoltà, forniscono informazioni importantissime.

Continua a leggere

Let it Slow. Il countdown delle Marchese del Gusto

di Dorina Palombi

L’inverno nelle Marche è qualcosa tra il magico e il surreale.
Tutto diventa bianco, introspettivo, silenzioso ed ovattato.
Da Pesaro ad Ascoli, ogni borgo o paese si trasforma; persino sulla costa la vita si fa meno frenetica.
Tutto è protetto dai Sibillini e dal mare. I profumi diventano più intensi, sospinti da un’aria frizzante che invita al calore della famiglia.

Le Marchese del Gusto

Allora è tempo di chiudersi in casa e donarsi a chi più amiamo.
Vi abbiamo già raccontato  della magia autunnale, dei suoi colori e dei suoi profumi croccanti. Ora i colori si neutralizzano: la purezza del bianco, il candore delle pietre, il nero degli scheletri arbustei.
I colori sono dentro: nelle zuppe calde, nella cacciagione, nei tessuti morbidi e campestri, nelle lucine che colorano le case.
Anche il mare regala emozione e quello d’inverno, forse, è il mare che preferisco.I brodetti si fanno ancora più speciali, il pesce non teme il caldo e si dona in tutto il suo sapore e nutrimento.

Continua a leggere

Donatella e la magia delle Marchese Api. Ovviamente Made in Marche.

lemarchesedelgusto

Inizia così la mia giornata… un cielo azzurro, l’aria fresca, un vento leggero… si, è giunta l’ora della raccolta del miele. Le api mi hanno stregato fin dal primo momento in cui le ho viste. Avrò avuto 7, forse 8 anni, durante le vacanze estive passate con i nonni, proprio nel cuore dei Monti Sibillini. Mio nonno paterno possedeva una fila di casette colorate e così un giorno, a mani nude e senza alcuna protezione, sollevò il coperchio di un’ arnia. Conosceva bene le sue api, lui. Sembrava quasi che si capissero al volo e parlassero senza timori. Fu un momento emozionante e ricordo ancora l’attimo in cui le vidi, là, attraverso un vetro. Così frenetiche e organizzate!

La passione di mio nonno è stata diligentemente tramandata, mio padre ha mantenuto le casette e oggi, insieme a lui, porto avanti questa “missione” prendendoci cura di queste meravigliose creature. Abbiamo solo poche arnie e il miele ricavato basta appena per la famiglia, tuttavia, poco o tanto che sia, non ne potrei mai farne a meno. Molto spesso mi capita di realizzare quanto poco la gente conosca di loro ed è difficile parlare delle api se non si hanno a disposizione ore di tempo. Per oggi mi limiterò ad alcune nozioni popolari e a qualche curiosità.

Ma quante api ci sono in una “famiglia”? Parliamo di un numero che oscilla tra le 50.000 e le 60.000. Durante la stagione produttiva un’ape operaia vive circa 30 giorni mentre l’ape regina arriva anche a 5 anni… non so se mi spiego.

E quanto “viaggiano”? Per produrre un chilo di miele un’ape copre una distanza pari a quattro 4 volte il giro della Terra. E probabilmente va anche oltre. Non sono meravigliosamente speciali?

Che c’entrano le Marche con l’apicoltura? Vi dico solo un nome, il nome di un marchigiano e per la precisione, mia cara Marchesa Letizia un tuo concittadino, il professore Alessandro Chiappetti nato a Jesi nel 1842. E’ considerato il pioniere dell’apicoltura marchigiana perchè introdusse nella nostra regione l’arnia nazionale, chiamata appunto “marchigiana”. Ma non solo. Fondò, diresse e scrisse quasi tutto da solo, per otto anni, il periodico Le Api e i Fiori, firmando i suoi articoli con lo pseudonimo di Melisso d’Esi.

Un assaggio di storia… Il miele è tutt’altro che un prodotto moderno. Potremmo quasi dire che esiste da sempre e che l’uomo, sin dagli albori, si sia sempre interessato alla frenetica e oserei dire magica attività di queste signorine. Ce lo testimonia L’uomo di Bicorp, pittura paleolitica scoperta nel 1921, nella Grotta del Ragno in provincia di Valencia.

apicultura_02_big

Il miele, in effetti, è stato protagonista indiscusso nella cucina del passato come correttore della sapidità grazie alla pungente dolcezza, come ottimo legante per le salse grazie alla sua consistenza, come conservante naturale, ma anche come ingrediente dolcificante e fermentante da utilizzare per il pane e per alcune bevande. Nel tardo 500 l’uso di questo ingrediente era largamente diffuso in cucina, ma non solo: era fondamentale in molte preparazioni di farmacopea, per le sue proprietà nutritive e l’alta digeribilità. Aimè con l’industrializzazione arrivò lo zucchero a sostituirlo: più economico e più pratico da conservare e per molti anni il miele è stato declassato a qualcosa di antico e poco fruibile. Fortunatamente stiamo rivivendo un rinascimento culinario e tanti grandiosi alimenti dei nostri nonni, o addirittura dei nostri avi, stanno passando dalla soffitta alla cucina. E tra questi c’è il mio nettare preferito.

Ma il miele… cos’è? E’ l’unico alimento che arriva direttamente sulle nostre tavole senza bisogno di alcuna trasformazione, l’unico che si possa definire 100% naturale. La sua definizione legale è questa: è il prodotto alimentare che le api domestiche producono dal nettare dei fiori o dalle secrezioni provenienti da parti vive della pianta o che si trovano sulle stesse (melata), che esse bottinano, trasformano, combinano con sostanze specifiche proprie e lasciano maturare nei favi dell’alveareE’ un prodotto contemporaneamente di origine vegetale ed animale.

Le Marchese consigliano di acquistare il miele nostrano, inutile dirvi che quello marchigiano è ottimo. Prediligete i produttori locali, andate a trovarli, visitate i loro apiari… e abbandonatevi al fascino di questo miracolo della natura!! Nel frattempo la vostra Marchesa Donatella si prepara a leggere “La custode del miele e delle api“, in libreria dal 17 settembre e collegato ad un favoloso concorso promosso da Vanity Fair “Adotta un’arnia e vinci il miele prodotto dalle tue api”; e mentre finisce di smielare vi aspetta per riscoprire insieme un’antica ricetta marchigiana, che ha tra i suoi ingredienti il dolce miele. Da non perdere!

lemarchesedelgusto1

Le Marche Sextainable: SlowtravelMarche

di Dorina Palombi

LetiSlow

Oggi si parte e si viaggia. Siete pronti?
Da buone Marchese abbiamo scelto delle auto speciali, eleganti, fuori dall’ordinario per mostrarvi un lato delle Marche più lento, rilassato e indimenticabile.
Vi facciamo conoscere SlowtravelMarche attraverso Laura Capomagi, la voce femminile di questo dinamico gruppo di ragazzi (nato con Luca Cesaroni e Lorenzo Zampetti), tra consigli fashion and food per quel che riguarda il viaggiare in auto, e qualche meta che vale la pena scoprire se avete voglia di vivere le Marche con tranquillità e suggestione.

“Nel viaggio c’è un certo sapore di libertà, di semplicità… un certo fascino dell’orizzonte senza limiti, del percorso senza ritorno, delle notte senza tetto, della vita senza superfluo.”

SlowtravelMarcheSenigallia

Continua a leggere

Pane e salame (di Fabriano)

di Silvia Gregori

La nostra settimana on the road prosegue nell’entroterra marchigiano. Avremmo potuto scegliere di tuffarci (e rinfrescarci, vista la calura di questi giorni) nelle acque blu del Conero ed invece decidiamo di percorrere l’ultimo lembo della Marca d’Ancona al confine con l’Umbria, alla ricerca di suggestioni medioevali e paesaggi collinari mozzafiato.

Palazzo-Podestà-Fabriano

(Fabriano – Palazzo del Podestà – Foto di Andrea Bevilacqua)

Ci lasciamo la Gola della Rossa alle spalle ed entriamo a Fabriano, conosciuta in tutto il mondo come la città della carta e nominata nel 2014 Città Creativa dell’Unesco.

Continua a leggere

Street food, birra e amicizia

di Ramona Ragaini.Ramona streetfood

Lo street food, o meglio il cibo da strada (della serie “parla come mangi”) è l’ultima moda nel mondo gastronomico.
Di origini antichissime, oggi, non c’è regione , città o paesello che non proponga la sua festa a base di street food.

Dai piatti “da strada” di chef stellati al nostro cartoccio di olive all’ascolana, dal “pani cà meusa” tipico palermitano al campano “’o per e ‘o musso”, dal panino col lampredotto alla piadina romagnola ,insomma… di tutto un po’, ma il comun denominatore resta, comunque, la voglia di divertirsi, di cibo immediato , di “passeggiare” mangiando, tutto innaffiato ,perché no, da una bella e fresca birra!

Continua a leggere

La crescia, il vero street food delle Marche

di Donatella Bartolomei

Quando dici crescia, nelle Marche, dici veramente tanto…

crescia
Praticamente si tratta di una focaccia che  cambia forma, sapore e ingredienti a seconda della zona in cui ci troviamo.

Per tradizione veniva cotta nel forno a legna quando si faceva il pane, oppure sulla griglia o ancora meglio sotto la brace.
Si puliva bene bene il pavimento del focolare, ci si metteva la crescia, poi sopra un vecchio coperchio di ferro e sopra a questo la brace.
Ammettiamolo,  con questo metodo si ottiene un risultato straordinario.

Continua a leggere