Rocket pesto. Per una donna rock and roll

di Letizia Federici

La settimana vegetariana, benchè io ami carne e pesce di un amore puro, mi calza come un guanto su misura.
Escludere non fa per me. Tuttavia per qualche giorno concentrerò la mia dedizione culiaria a loro. Ai loro colori, alle forme più diverse e strane che le rendono buffe, vivaci o provocatorie, alle loro texture intriganti e alla loro proverbiale versatilità.
Richiedono tempo e cura, lo so, ma sono una componente imprescindibile della mia dieta.

Continua a leggere

Bikini street food

di Letizia Federicileti

“Io prendo…Panino con la porchetta, anzi no una salsicciona.
Oppure le spuntature?
Ma magari assaggio anche un arrosticino accompagnato da un cartoccio di patatine fritte e olive ascolane, mozzarelline e cremini.
Anche se a dire il vero l’hamburger con doppia salsa mi ispira assai. E passami anche un po di maionese che ce la metto sopra.”

Continua a leggere

Il rosa color carattere: maiale con rabarbaro in agrodolce

di Letizia FedericiUno

Sono per i colori forti.
Il rosa di oggi non avrà niente a che fare con pastelli, bon bon e confetti.
Il mio è un rosa determinato, molto vicino al rosso, un fucsia che tende al ciliegia, una tinta scioccante, che vedi anche ad occhi chiusi.
E, così come non sono per le sfumature, così prediligo da sempre i sapori decisi.
E le persone decise.
Grintose.
Con l’occhiaia profonda e l’iride che brilla.

Non è un caso se oggi paragono il rabarbaro a Heather Anderson, l’imprenditrice che guida Whuitmuir, l’ormai nota azienda agricola in cui amo farmi inseguire da maiali affamati (e molto rosa), impacchettare box di frutta e verdura, allietare i clienti del ristorante col mio “intrigante” accento italiano. Tanto per riassumere con un semplice tris le giornate deliranti qui a Lamancha, Scozia.

Continua a leggere

Sea is a state of mind…. il mare è un modo di essere

di Letizia Federicifish and chips2

Questa è la settimana del mare, del pesce e della salsedine.
È l’inizio delle bollicine lungomare, dei vestitini leggeri e una felpa dopo cena.
È la settimana di benvenuto al blu del Conero, alle grigliate in terrazza, agli occhiali da sole fino a tardi.
Si, per voi.
Perché quassù, latitudine 55°57’7N longitudine -3°11’47O, pile e sciarponi sono ancora indispensabili.
Ma io che l’estate ce l’ho nel sangue ho deciso di lasciare le infradito vicino alla doccia, calzare le scarpe da cammino e salire ancora più su.

Continua a leggere