Il Four Seasons, il Palagio e Vito Mollica. In una parola: Firenze

le-marchese-del-gusto

Arrivare a Firenze emoziona sempre.
Scendere dal treno, prendere un taxi al volo e scorgere dal finestrino il Duomo che sbuca da una viuzza come a darti il benvenuto, come a sfogliare distrattamente un libro d’arte.
Respirare l’aria calda di fine settembre che trasporta un profumo buono.
Vedere le botteghe artigiane che si alternano alle gioiellerie, ai ristoranti o ai semplici fruttivendoli e poi sentire quella parlata che fa subito Toscana.
Perché la Toscana è Firenze e, nell’immaginario comune, il vero senso dell’italianità.

Forse la Toscana stessa, così simile alle Marche, racchiude il concetto del Made in Italy: l’operosità e l’arte del “dolce far niente” che è la capacità di dare un tempo al lavoro e uno al piacere, senza privarsi mai dell’uno o dell’altro.

Allora, noi Marchese, ci siamo regalate una giornata dall’altra parte dell’Appennino e siamo fuggite a Firenze per respirare ospitalità e coglierne il senso più sincero.
E dove se non al Four Season Hotel?

Continua a leggere “Il Four Seasons, il Palagio e Vito Mollica. In una parola: Firenze”

Annunci

Un interregionale Lucca-Filottrano

LeMarchesedelGusto_CristianoTomei_GalloRosso

La metafora del treno è trita e ritrita, lo so. Tuttavia la parola interregionale assume ormai un allure quasi vintage: nell’era dei Frecciarossa, dei kilometri macinati in un batter d’occhio, questa parola la iniziamo a capire in pochi. L’inconfondibile aroma Trenitalia, la fauna naif, gli entroterra più nascosti, quelli che neanche la maestra di geografia ricorda più. E sopratutto le mille fermate. I paesini rocciosi, i nomi strani, le attese che non finiscono mai.

Mi piace pensare che ci sia un interregionale immaginario, gustoso, ben più profumato, che collega due anime e due mondi, molto simili certo, ma con un margine differenziale abbastanza ampio da permettere un arricchimento ad ogni sosta. Mi ricorda un po i tempi dell’università, questo interregionale Toscana-Marche, caratterizzati da un su e giù costante tra Firenze e Ancona.

Ma la tratta di cui oggi parliamo, che rappresenta l’epilogo della nostra settimana dedicata alla contaminazione culinaria, è quella che collega Lucca a Filottrano.

La Trattoria Gallo Rosso è promotrice per il secondo anno di un’iniziativa elettrizzante che genera Sold Out in tempi brevissimi, persino in una regione che spesso richiede una sveglia in più per cogliere la palla al balzo. E che prende il nome di Star Sull’Aia.

Gessica e Andrea, i proprietari, affezionati alla parola trattoria per il legame con la materia prima e lo stampo pop, hanno però una grande fede nell’unione che fa la forza e nella contaminazione di stili e idee. La loro ospitalità, proverbiale in sala, non poteva che essere così anche in cucina: pochissimi metri quadri di calore e allegria, che viene messa a disposizione di chef stellati che, per l’occasione, cucinano per una cinquantina di teste, allegre, curiose e bagnate da vini marchigini.

Non potevo che tuffarmi al primo appuntamento, sapendo che i vini erano quelli di Liana Peruzzi, una veneta impiantata tra le nostre colline, un esempio nobilissimo di fusione tra culture regionali. Non potevo che aderire anche solo all’idea di assaggiare i vini Mattoni, che solo per il nome valgono una trasferta.

Ma sopratutto non potevo farmi sfuggire lui, Cristiano Tomei, chef del ristorante L’Imbuto a Lucca. Lui e la sua brigata, che da tanto osservo attraverso gli scatti irriverenti e passionali di Lido Vannucchi; lui, che riesce a coinvolgerti anche leggendo una sua intervista. Cristiano: 100% toscanità, un cuoco che si è fatto da solo, che ride, che tocca con mano e parla come mangia.

LemarchesedelGusto_CristianoTomei_GalloRosso1

Ha salutato tutti, dal primo all’ultimo, Cristiano Tomei: all’entrata, insieme ad Andrea e Gessica, mentre l’aperitivo già rilassava le anime di un quasi-fine settimana invernale.

Era da tanto che volevo assaggiare la sua cucina e sopratutto era da tanto che non partecipavo ad una serata così intima e carina, che mi ha riempito occhi, stomaco e testa, che è volata via così, tra un brindisi con l’amica Ramona, una risata sincera e l’energia di tanti appassionati, riuniti e comodamente ristretti nella sala del Gallo Rosso.

LeMarchesedelGusto_CristianoTomei_risate

Proprio perchè mi è piaciuto tutto così tanto, preferisco concentrarmi su tre piatti che più hanno persuaso le mie papille e che hanno davvero avuto un Super-potere sul mio stato psicofisico. Così come non credo nei menù troppo pedanti e barocchi, allo stesso modo mi annoiano da morire le recensioni piatto per piatto: quella righetta o due un po frettolosa e priva di emozione, a descrivere pedissequamente tutte le spezie utilizzate. Non so voi, ma alla fine non mi ricordo niente, non mi viene voglia di andare a provare di persona e devo farmi un caffè doppio.

Invece, io la vedo così…

Ecco a voi la Pizza di Mazzancolle, un tripudio di odori aromatici. Un piatto intrigante da vedere, profumato dalla menta all’origano, morbido da addentare.

LeMarchesedelGustoi_Tomei_PizzadiMazzancolle

Niente pomodori di cattivo gusto da Tomei, quei pomodori che tanti ristoranti mi hanno fatto odiare: insapori, buttati la a casaccio, come se un tocco di colore risolvesse la mancanza di un’idea. Questa è una ciotola aromatica, una semplice perfezione. Niente esagerazioni, nessuna sfida: una deliziosa pausa rassicurante ed emozionale. Il super-potere che attribuisco a questa pizza liquida è quello di aver sconfitto l’incubo quotidiano dei temibili Pachini, che nottetempo mi divorano con gli occhi dallo scaffale del banco-frigo.

Avrei potuto parlare del Raviolo ripieno d’olio, una specialità suadente di cui tanto avevo sentito tessere le lodi. Una vera bontà, confermo. Però, se devo essere proprio sincera, io mangerei seduta stante una pentola intera del suo Riso Ragù.

LeMarchesedelGusto_CristianoTomei_RisoRagu

Rullino i tamburi, squillino le trombe, nani, ballerine e giullari a rapporto: il riso non si tosta più. Ebbene si. E se questa cremosità ne è il risultato, sono disposta a crederci. Questa minestra di riso ai ricci di mare, tirata con acqua di ragù filtrata e mantecata con gelato al tabacco… beh, mi ha definitivamente rimesso in pace col mondo. Credo di aver pulito di nascosto anche il piatto del vicino, non me ne voglia. Super-potere: rigenera lo spirito, incuriosisce i tabagisti, inamida i cretini.

E per finire, lei, la Signora Corteccia: il ritorno alle origini, il profumo di pino marittimo, la soddisfazione totale per una carnivora come me.

LemarchesedelGusto_CristianoTomei_Corteccia

Manzo di razza Garfagnina, stracciato e massaggiato con olio extravergine d’oliva, grasso tostato di manzo e bucce di patate fritte: più che un piatto un invito alla lussuria. Le cose più belle intorno a questa intuizione sono due. La prima riguarda il modus mangiandi: non c’è scelta, è un piatto che va mangiato con le mani, niente orpelli, niente giochi. Ha un super-potere primordiale, questo piatto qui. Succulento e animale ma poetico allo stesso tempo, perchè ti riconnette con la sincera intimità delle cose. Una pausa dalla stucchevole modernità.

E poi pensate all’accostamento con le bucce di patate, la seconda cosa degna di menzione… a parte il fatto che me ne sono fatte portare una ciotola intera per la loro leggera croccantezza, ma rappresentano l’atto pratico di quello che tanti professoroni dell’economia globale vanno dicendo, copiando semplicemente le politiche quotidiane dei nostri nonni: della patata non si butta via niente!!

Parola di Marchesa 😉

LeMarchesedelGusto_mix_RamonaRagaini

Tablecloths. Per le Marchese senza servitù

di Dorina Palombi. 

Tablecloths copertina

Sono cresciuta con una zia attenta al galateo. Fin da bambina mi insegnava a stare composta a tavola, ordinata, con i gomiti ben adesi al corpo e le braccia sul tavolo solo con i polsi.
Così avrei saputo comportarmi bene in ogni occasione. Anche a sei anni!
Mi ha insegnato ad amare il bello e l’arte della tavola, ad apparecchiare nella giusta maniera e seguendo sempre buon gusto e buon senso.

Continua a leggere “Tablecloths. Per le Marchese senza servitù”

Mare selvaggio dell’Elba..e il tutto, e il niente.

di Eleonora de MarchiElba

Mare selvaggio dell’Elba, macchia mediterranea, vegetazione lussureggiante, profumo di elicriso, brezza che accarezza la pelle e l’anima.
Cielo stellato la notte.
Una birra.
Un vino.
Uno spuntino.

Continua a leggere “Mare selvaggio dell’Elba..e il tutto, e il niente.”